• modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/demo/Casco.jpg
  • modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/demo/Cassa_Edile_1.jpg
  • modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/demo/Centro Direzionale_1.jpg
  • modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/demo/Largo Barracche.jpg
  • modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/demo/Largo Barracche_1.jpg
  • modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/demo/Logo_Cassa_Edile_2.jpg
  • modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/demo/Piazza Municipio.jpg
  • modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/demo/Napoli.JPG
Stampa
Ultima modifica il Lunedì, 24 Giugno 2013

C’è un principio alla base della costituzione della Cassa Edile di Napoli che quest’anno segna
cinquant’anni di vita. È il principio della mutualità, quale intuizione illuminata e lungimirante,
ancor più se si tiene conto che essa risale ad oltre mezzo secolo, subito dopo la tragedia del
conflitto mondiale che aveva coinvolto il nostro Paese con perdite enormi di vite umane e con
la distruzione di tanta parte del nostro tessuto produttivo e civile.


La costituzione della Cassa Edile a Napoli, in quella fase della nostra storia, si collega al grande
impegno civile della ricostruzione alla quale gli imprenditori edili hanno partecipato con un
apporto rilevante, dando al tempo stesso prova di concepire il ruolo dell’impresa in termini
di grande modernità: essi hanno posto come centrale il valore della solidarietà verso le maestranze
edili, assumendo nell’organizzazione aziendale il fattore lavoro come elemento fondamentale
da tutelare e valorizzare. A ben vedere, dunque, una visione anticipatrice dei punti
di arrivo più attuali: nel confronto fisiologico di due diversi ruoli, l’impresa e il lavoro, vi è
una comune assunzione di responsabilità che si realizza e si esercita nell’impegno della gestione
paritetica espressa nella Cassa Edile.


L’evoluzione del rapporto di lavoro fra impresa e maestranze, nell’arco di cinquant’anni, partendo
dall’iniziale prestazione di natura collettiva della riscossione dei contributi sindacali, è
ora pervenuta, per tappe e avanzamenti successivi – che in questa pubblicazione vengono
puntualmente segnalati anche nel dettaglio – a configurarsi come un organismo che tutela le
garanzie contrattuali e che sul piano organizzativo si è progressivamente esteso in tutte le province
italiane dove operano, ciascuno nel suo proprio ruolo, associazioni dei costruttori e organizzazioni
sindacali dei lavoratori di settore.
Sento, pertanto, in questa ricorrenza del cinquantennale della nostra Cassa Edile, di rivolgere
un pensiero di riconoscimento e di gratitudine a coloro, imprenditori edili e sindacalisti, che,
testimoniando il loro impegno sociale e la loro passione solidaristica, hanno dato vita alla nostra
Cassa Edile quale strumento mutualistico e assistenziale e insieme punto di convergenza
delle due categorie.


Dal momento della sua costituzione fino ad oggi, la Cassa Edile ha vissuto una intensa e significativa evoluzione: impegnata nella fase di avvio nella gestione dei rapporti di lavoro, ha assunto nel tempo compiti di assistenza sanitaria, di sostegno ai lavoratori con molteplici modalitàe strumenti, fino alla lotta per l’emersione del lavoro nero, all’impegno per la regolarità contributiva. Compiti e funzioni, dunque, quasi di natura pubblicistica con un alto valore sociale, per il rispetto della normativa, per la trasparenza del mercato del lavoro e per l’esercizio corretto della concorrenza delle imprese sul mercato. Esemplare, da questi punti di vista, è il DURC, documento unico di regolarità contributiva, che mi piace evocare in quanto significativo del comune impegno per l’esercizio corretto dell’attività di impresa.


Nel loro dettaglio, le complesse attività della Cassa Edile di Napoli vengono esposte nel prosieguo
di questa pubblicazione facendo emergere la natura profondamente sociale dell’Ente
orientata ad una gestione aperta e trasparente dei rapporti di lavoro e dell’attività produttiva.
Ma avviandomi a concludere questa mia breve nota di presentazione del volume, mi piace
sottolineare la modernità della gestione del più generale rapporto fra le imprese di costruzione
e i rappresentanti dei nostri lavoratori che è insita nelle stesse ragioni costitutive della
Cassa Edile. Imprese e lavoratori non sono solo ‘controparti’ che si confrontano dialetticamente
nelle occasioni dei rinnovi contrattuali. Sono, questi, momenti di certo ineludibili che
appartengono alla fisiologia delle relazioni industriali. Ma al di là dei momenti di confronto,
prevalgono nella gestione comune della Cassa Edile momenti di sintesi, di impegno congiunto
e di responsabilità paritetica per la tutela del lavoro e delle imprese, pur nella distinzione dei
ruoli rispettivi e delle rispettive sensibilità. Tutto questo e molto di più è la Cassa Edile, a cinquant’anni dalla sua costituzione: un patrimonio di valori civili e di funzioni sociali che intendiamo
tutelare ed accrescere.

 

Monday the 27th. - Cassa Edile della Provincia di Napoli - Viale della Costituzione, C.D.N. Isola F/3 - 80143 NAPOLI tel.081 734 71 36(PBX) - fax 081 734 71 38